Farmacista Farmacista Farmacia Andreotti s.n.c.
dot.ssa Angela Cioffi e dot.ssa Elvira Gentile
La storia della farmacia
farmacia_foto_0 farmacia_foto_1 farmacia_foto_2 farmacia_foto_3 farmacia_foto_4 farmacia_foto_5 farmacia_foto_6 farmacia_foto_7 farmacia_foto_8 farmacia_foto_9 farmacia_foto_10 farmacia_foto_11 farmacia_foto_12 farmacia_foto_13 farmacia_foto_14 farmacia_foto_15 farmacia_foto_16 farmacia_foto_17 farmacia_foto_18 farmacia_foto_19 farmacia_foto_20 farmacia_foto_21 farmacia_foto_22 farmacia_foto_23 farmacia_foto_24 farmacia_foto_25 farmacia_foto_26 farmacia_foto_27

Oggi a Napoli in via Duomo 32 la farmacia Andreotti continua l'antica tradizione napoletana del salotto culturale, dove convenivano i personaggi di scienza o di lettere, dove nacquero e si svilupparono le nuove aspirazioni politiche all'indipendenza, le nuove idee scientifiche e quelle sulle possibili loro applicazioni pratiche.

Fondata nel 1879, è stata recentemente trasferita nella residenza attuale, sede della storica Pasticceria Picardi, meta quetidiana del tenore di fama mondiale Enrico Caruso.

È costituita da una larga sala con volte a botte distinta in due ambienti, uno per la dispensazione di farmaci e di una varietà di prodotti per l'igiene, la dietetica, la cosmetica e la puericultura, e l'altro adibito a moderna erboristeria in cui le tisane ed i tè mantengono la loro tradizionale importanza.

Nel piano sottostante, cui si accede con una scala d'epoca di piperno, appare un insolito e movimentato angolo di Napoli sotterranea; qui tra volte e ampi archi, rimessi a nuovo, e vetrate si susseguono armoniosamente il laboratorio, dove si esprime l'estro creativo e formulativo delle dottoresse Elvira Gentile e Angela Cioffi, l'ufficio e le attrezzature tecnico-amministrative, la collezione delle meterie prime e dei prodotti ed il confortevole "salotto" dedicato a Caruso, arricchito da rari documenti e cimeli carusiani.

Un angolo tutto sommato particolarmente accogliente e gradevole, in cui si possono degustare tirane e tè, ma soprattutto tale da assicurare un adeguato ricevimento ed assistenza ai frequentatori della farmacia e per avviare iniziativo di ispirazione sociale o volte a diffondere la cultura tecnico-scientifica e la tradizione napoletana. A questo ultimo riguardo potrà ben costituire un punto di ritrovo per i cultori dell'antica canzone napoletana e di promozione della calorizzazione della Napoli sotterranea.

Se vi capiterà di andarci nelle vesti di antichi cospiratori partenopei o di poeti o musicisti, forse avrete la fortuna di incontrare Aldo De Gioia autore del libro "Frammenti di Napoli" (RCE Edizioni), che vi svelerà tutti i segreti e le curiosità della napolitanetà, di cui è eccezionale cultore.

Leggi anche la lettera del Prof. Giuseppe Salvatore

Fonte: Zibaldone Napoletano - Aldo De Gioia (RCE Edizioni)